Home / Energo Logistic / Il biometano favorisce la decarbonizzazione dei trasporti in Europa
biometano trasporti in Europa

Il biometano favorisce la decarbonizzazione dei trasporti in Europa

08/06/2020

Giù le emissioni! I trasporti in Europa puntano all’impatto zero sul clima entro il 2050 con il biometano.

Secondo NGVA Europe, il 17% del combustibile usato per i trasporti in Europa è biometano. Una nuova forma di energia rinnovabile, che si sta sostituendo al Gas Naturale Compresso e al Gas Naturale Liquefatto e che si prepara a diventare il vero protagonista della decarbonizzazione dell’autotrasporto nel Vecchio Continente.

Dai rifiuti al gas rinnovabile

Il gas rinnovabile nasce dall’economia circolare. Si tratta infatti di riciclo vero e proprio in quanto proviene dal recupero dei materiali di scarto delle lavorazioni industriali. Il più grande impianto di biometano liquido al mondo è quello di Skogn, in Norvegia, dove il biogas viene ricavato dai rifiuti dell’industria della pesca e della cartiera.

Il gas rinnovabile in Europa

NGVA, che controlla oltre 4mila stazioni di rifornimento di gas rinnovabile in Europa, registra erogazioni di biometano in più del 25% dei casi. E afferma che vista la compatibilità delle infrastrutture di distribuzione di GNC e GNL e dei mezzi pesanti alimentati a gas, di cui sta crescendo l’immatricolazione, il biogas potrebbe andare a sostituire integralmente il mix di combustibili abitualmente utilizzati dai trasporti in Europa, senza necessità di alcuna riconversione.

Biometano: oltre il 30% di emissioni inquinanti in meno

Il passaggio al biometano sarebbe dunque un’operazione a costo zero con un forte impatto sulle emissioni inquinanti. Se comparato con l’uso di diesel o benzina, infatti, quel 17% di biometano utilizzato come carburante per i trasporti in Europa, aumenta la riduzione delle emissioni di CO2 dal 20% (ottenuta con gas naturale) fino a quasi il 40%.

E in Italia a che punto siamo con il biometano?

In Italia diversi sono i progetti per la costruzione di nuovi impianti destinati alla produzione di biometano, che rivestirebbero un ruolo di primo piano nella strategia energetica del nostro Paese, contribuendo non solo alla decarbonizzazione e alla riduzione delle emissioni inquinanti in tutti i settori, ma anche al rifornimento delle isole, che ne trarrebbero notevole vantaggio sia economico che ambientale.

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue to use this site we will assume that you are happy with it. Ok